Ricostruire un mondo migliore: la rassegna online con il Premio Nobel Muhammad Yunus – Il Giornale del Restauro e del Recupero dell’Arte

Dall’11 al 20 maggio si svolgerà il corso on line “Ricostruire un mondo migliore”. Si […]

Sorgente: Ricostruire un mondo migliore: la rassegna online con il Premio Nobel Muhammad Yunus – Il Giornale del Restauro e del Recupero dell’Arte

I Musei Civici di Modena sbarcano su Wikipedia in vista delle celebrazioni per il 150° – Wikimedia Italia

I Musei Civici di Modena festeggeranno nel 2021 un importante anniversario: centocinquanta anni di impegno nella conservazione, tutela e valorizzazione di un ricco patrimonio archeologico e artistico, che giunge a noi per raccontarci la cultura e la storia della città e del territorio e delle personalità che lo hanno animato nel tempo.
Per celebrare questo evento, i Musei hanno deciso di fare un “regalo” speciale alle loro collezioni: portarle su Wikipedia e i progetti Wikimedia grazie alla collaborazione con un Wikipediano in Residenza, che nell’arco del 2020 formerà il personale dell’istituzione e lo aiuterà a valorizzare online il patrimonio dei Musei.

Sorgente: I Musei Civici di Modena sbarcano su Wikipedia in vista delle celebrazioni per il 150° – Wikimedia Italia

QA turismo cultura & arte-Coronavirus, Franceschini: riapertura dei musei graduale, non tutti il 18 maggio

05/05/2020 Maksym Rozhkovskyy

[…]

C’è chi conta su una situazione di partenza “più facile” come Villa Adriana, per esempio, che a Tivoli vanta ampi percorsi tutti all’aperto. O come il Maxxi a Roma, che sfrutta tutti gli aspetti di un contenitore architettonico dai grandissimi volumi. Ma anche il Parco archeologico di Paestum, che sta mettendo a punto entrate contingentate e percorsi limitati. Così come Pompei, che riaprirà gradualmente proprio partendo dai suoi tanti spazi esterni, dalla palestra al teatro e al foro.

In generale però, non sarà così semplice e nemmeno così immediato in Italia riaprire i musei. E quella del 18 maggio rischia di rimanere una data indicativa. La parola d’ordine comunque è sempre la stessa, da Nord a Sud: “gradualità”. La volontà c’è, lo ripetono tutti i direttori, da quelli dei Musei Civici di Milano alle Gallerie Nazionali di Palazzo Barberini a Roma, dagli Uffizi a Firenze a Palazzo Fava di Bologna. Ma tanti fondamentali aspetti restano da chiarire, cominciando dalle linee guida del governo, che sono attese per la prossima settimana. Perché al momento nessuno sa in concreto quali saranno le regole da ottemperare. […]

Sorgente: QA turismo cultura & arte-Coronavirus, Franceschini: riapertura dei musei graduale, non tutti il 18 maggio

La lezione dei vedutisti: fotografare dentro una cornice

Non avevano la macchina fotografica ma solo la camera ottica. Eppure i Vedutisti del Settecento hanno inventato alcune delle tecniche fotografiche più attuali.
Canaletto (1697-1768), in particolare, ha indagato tutte le questioni relative all’inquadratura riuscendo a modificare la percezione degli spazi con grande abilità. Ha sperimentato la panoramica, ha sfruttato il punto di vista rialzato ma soprattutto ha inaugurato l’incorniciatura della scena. In pratica, negli anni Cinquanta riprende le stesse vedute iniziate vent’anni prima riportandole a quota umana e inquadrandole dentro un arco.

Sorgente: La lezione dei vedutisti: fotografare dentro una cornice

QA turismo cultura & arte-Coronavirus: la cultura non si ferma, la Campania tra arte e archeologia

16/04/2020 Filomena Merola

La Direzione regionale della Campania aderisce alla campagna di comunicazione “La cultura non si ferma, #iorestoacasa”, promossa dal ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo. Nei filmati caricati sul canale YouTube MiBACT si susseguono, in un collage di scatti e riprese panoramiche, le immagini dei meravigliosi tesori artistici: la Certosa e Museo di San Martino; il Palazzo Reale di Napoli; il Teatro romano di Benevento; il Complesso Monumentale dei Gerolamini; il Castel Sant’Elmo – Museo del Novecento a Napoli; il Museo archeologico territoriale della penisola sorrentina (…). Un immenso patrimonio culturale che aspetta solo di essere visto, o rivisto in questo periodo in cui tutto è chiuso a causa dell’emergenza coronavirus viene mostrato così non solo ciò che è abitualmente accessibile al pubblico, ma anche il dietro le quinte dei beni culturali con le numerose professionalità che si occupano di didattica, conservazione, tutela, valorizzazione.

Sorgente: QA turismo cultura & arte-Coronavirus: la cultura non si ferma, la Campania tra arte e archeologia

QA turismo cultura & arte-Conseguenze della chiusura dei musei, primi dati in un sondaggio del Network of European Museum Organizations

Un nuovo studio, eseguito su 650 istituzioni in tutto il mondo, analizza la gravità del blocco per i musei. Si tratta di un sondaggio svolto da NEMO –  Network of European Museum Organizations, la rete delle organizzazioni museali europee fondata nel 1992. Lo studio presenta una fotografia accurata delle modalità in cui i musei stanno vivendo le chiusure e mostra quali sono le conseguenze sulle loro organizzazioni. Con i musei chiusi fino a data da destinarsi, infatti, resta piuttosto complesso il tema delle conseguenze economiche per le istituzioni.

Sorgente: QAeditoria.it – QA turismo cultura & arte

Dall’erosione al crollo: i pericoli della cultura gratis

La miriade di contenuti gratuiti durante la pandemia potrebbe essere il canto del cigno per un settore che è sopravvisuto a malapena alla crisi del 2008.

[…]la digitalizzazione, la concentrazione monopolista e i tagli alla spesa pubblica hanno progressivamente distrutto una porzione molto importante delle tradizionali forme di sussistenza del settore culturale, e non ci sono stati dei sostituti. Tutta la retorica della libera diffusione della cultura, i nuovi mezzi di distribuzione e l’accessibilità digitale hanno sempre celato una domanda imbarazzante: come si fa a vivere di cultura gratuita? Le risposte sono due: o sei il padrone di Spotify, o lavori come cameriere. “Industrie culturali” è un nome pomposo che nasconde una realtà molto più oscura: la stragrande maggioranza delle aziende che si dedicano alla mediazione e alla produzione culturale sono piccole iniziative di lavoro autonomo molto precario. Così come è accaduto nella sanità, la pandemia ha trasformato l’erosione in un crollo incontrollato.[…]

Sorgente: Dall’erosione al crollo: i pericoli della cultura gratis