Categorie
Varie

QA turismo cultura & arte-A Villa Adriana (Tivoli) scoperto un triclinio sull’acqua, unico nel suo genere

http://www.qaeditoria.it/details.aspx?idarticle=159672&AspxAutoDetectCookieSupport=1

Categorie
qualifica restauratori

IL TAR del Lazio non riconosce le discriminazioni tra i restauratori.

Il Tar del Lazio ha accolto le ragioni della Confederazione riguardo l’annullamento della distinzione negli elenchi dei restauratori, pubblicati a dicembre 2018 sul sito del Mibact, tra i diplomati della Scuola di Alta Formazione e chi ha acquisito il titolo a valle della procedura dell’art. 182 D.lgs. n. 42/2004.

Nonostante alcuni aspetti non siano ancora stati risolti, vedi il ritardo di sei anni per l’istituzione degli esami qualificanti per collaboratori restauratori, ci stiamo avviando ad un riconoscimento giuridico della categoria, superando anche le distinzioni che il Ministero vorrebbe continuare a mantenere.

Maggiori informazioni puoi trovarle qui e qui

Categorie
Varie

QA turismo cultura & arte-Scoperta l’aquila reale dei sacrifici aztechi

Gli esperti del Templo Mayor Project (PTM) dell’Istituto nazionale di antropologia e storia del Messico (INAH) hanno scoperto un bassorilievo che raffigura l’immagine di un’aquila un’aquila reale, con le piume a forma di coltelli, simbolo dei riti sacrificali dell’impero degli Atzechi. Il ritrovamento è un eccezionale esempio di scultura messicana che dimostra che il Templo Mayor, la Grande Piramide, il tempio principale di Tenochtitlán, “ha ancora grandi segreti da rivelare”, come afferma il segretario alla Cultura messicano, Alejandra Frausto Guerrero.

Categorie
Varie

QA turismo cultura & arte-Archeologi e Italia Nostra contro l’emendamento leghista al Milleproroghe che limita l’archeologia preventiva

L’emendamento, se approvato, introdurrebbe nell’art. 25 del D.Lgs. 50/2016 (verifica preventiva dell’interesse archeologico) un comma 1 bis che ne stravolgerebbe totalmente il senso. Il comma prevede infatti che, fino a tutto il 2025, tale verifica preventiva sia resa necessaria solo per le aree soggette a tutela negli strumenti urbanistici. In ogni altro comparto diverrebbe sufficiente l’autocertificazione da parte di un progettista abilitato. L’articolo citato nell’emendamento, il 25 del D.L. 50 del 2016, deriva dall’articolo 28 del D.L. 42 del 2004 che al comma 4 stabilisce che “In caso di realizzazione di lavori pubblici ricadenti in aree di interesse archeologico, anche quando per esse non siano intervenute la verifica di cui all’articolo 12, comma 2, o la dichiarazione di cui all’articolo 13, il soprintendente può richiedere l’esecuzione di saggi archeologici preventivi sulle aree medesime a spese del committente”.

leggi tutto

Categorie
Varie

QA turismo cultura & arte-Scoperto un altro dipinto sotto la Madonna del latte di Murillo

http://www.qaeditoria.it/details.aspx?idarticle=149622

Categorie
manutenzione

Manutenzione dell’opera

Per la conservazione di un’opera é importante, oltre al restauro, anche una pratica regolare di interventi di manutenzione.
Alcuni interventi ci aiutano a preservare nel tempo l’opera, che sia o meno restaurata:

– accurata e costante spolveratura,
– periodico trattamento protettivo superficiale,
– verifica e controllo di tutte le sue funzionalità,
– controllo del clima ambientale.


Purtroppo non è ancora acquisita una pratica di manutenzione regolare ed assistiamo ad interventi di restauro, anche costosi, su opere che poi vengono lasciate a se stesse, senza la minima attenzione al loro mantenimento.

Da una parte le carenze di fondi delle committenze non consente loro di intervenire, dall’altra la trascuratezza del problema fa si che difficilmente si possano reperire sponsor per tali finanziamenti: il restauro, anche se costoso, è senza dubbio più spettacolare di interventi manutentivi quasi invisibili.
Difficilmente chi desidera promozione, notorietà o qualsiasi altro tipo di ritorno economico/visibilità, sarà disponibile a finanziare tali progetti, nonostante abbiano un costo relativamente basso.

Categorie
Varie

Nuove prospettive di valorizzazione e conservazione dei Beni Culturali e Archeologici con gli Scanner 3D |Documentazione – Archeomatica

Sorgente: Nuove prospettive di valorizzazione e conservazione dei Beni Culturali e Archeologici con gli Scanner 3D |Documentazione – Archeomatica

Categorie
Varie

Nuove scoperte sulle civiltà preromaniche

A Salerno, vedi articolo

Categorie
Varie

I musei privati rischiano il baratro. “Inaccettabile il silenzio del governo sulla cultura”

Sorgente: I musei privati rischiano il baratro. “Inaccettabile il silenzio del governo sulla cultura”

Categorie
Chi siamo

Un’impresa di restauro

Un’impresa artigiana che esercita l’attività di manutenzione, conservazione e restauro.


manutenzione

É il complesso delle attività e degli interventi destinati al controllo delle condizioni del bene culturale e al mantenimento dell’integrità, dell’efficienza funzionale e dell’identità del bene e delle sue parti.

conservazione

L’insieme degli interventi idonei a limitare le situazioni di rischio connesse al bene culturale nel suo contesto.

restauro

Interventi diretti sul bene attraverso un complesso di operazioni finalizzate all’integrità materiale ed al recupero del bene medesimo, alla protezione ed alla trasmissione dei suoi valori culturali1.

Restauro

Gli interventi di restauro di un oggetto o macchinario o opera d’arte costituiscono tutti gli interventi necessari per ripristinare le funzionalità operative ed estetiche del bene su cui si sta lavorando.
Con il restauro recuperiamo un oggetto, un mobile, un dipinto, ripristinandone l’apparenza e la funzione originaria.
Spesso, con il restauro, recuperiamo anche un ricordo.

Manutenzione e Conservazione

Gli interventi di manutenzione ci aiutano a preservare nel tempo l’opera, che sia o meno restaurata;
– accurata e costante spolveratura,
– periodico trattamento protettivo superficiale,
– verifica e controllo di tutte le sue funzionalità,
– controllo del clima ambientale,
ci consentono di mantenerla nel suo stato per un lungo periodo.

Conservare un opera nel suo stato significa evitare di innescare processi che possano portarla al decadimento.
Le condizioni di microclima e di luminosità dell’ambiente circostante possono influire in modo significativo nella conservazione di un’opera.
Il controllo di umidità relativa e temperatura ambientali, a valori ottimali, mantengono stabili le condizioni dell’opera.
Variazioni di temperatura e di umidità nell’aria possono provocare variazioni dimensionali e di consistenza materica nell’opera, oltre ad stimolare o bloccare le possibilità di attacchi o mutazioni biologiche.
Valori elevati di umidità relativa ambientale favoriscono:
– processi di ossidazione nei metalli;
– dilatazione nel legname, lo espongono alla possibilità di attacchi fungini, virali e di insetti xilofagi;
– la crescita di microflora, muffe e funghi, su pietra e legno;
– l’ammorbidimento superficiale di opere o strati gessosi;
– insediamento di microflora e batteri su stoffe e pellami;
ed altri casi di minore rilevanza.


[1] Le definizioni sono prese dal Decreto Legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004, parte II, titolo I, capo III, sezione II, articolo 29.